Sei un “Chief Information Officer”? Sei un imprenditore?

La tua

Digital Compliance

è in pericolo  fino a quando non guardi questo video di soli
3 minuti

Riproduci video
Riproduci video

Le software house non ti diranno mai che.....

Le software house, i tuoi consulenti organizzativi, il tuo DPO, non ti stanno mettendo in guardia dalle possibili falle nascoste dentro al tuo modello gestionale e alle tecnologie documentali acquisite negli anni, o che sei in procinto di acquistare

.

.

....non puoi più mettere "il carro davanti ai buoi"....

Nella corsa verso la Digital Transformation, non fanno altro che spingerti verso l’acquisto di software “a tonnellate”. La tecnologia può rendere gli uffici veloci nell’eseguzione e rendere l’impresa competitiva, riducendo le distanze con i fornitori e rendendo possibile gestire transazioni a tutte le ore

....ed è ora di pensare alla Digital Compliance Risk

La carta scompare gradualmente da procedure, atti formali e documenti di rilevanza legale, spostandosi in una nuova dimensione – quella Digitale. Nel 78,7% dei casi studio italiani analizzati, i documenti dematerializzati, prodotti dalle imprese, non hanno valore probatorio

Ecco perché, la tua Impresa, rischia di ritrovarsi con una storia documentale CANCELLATA da nuove leggi e normative, di cui nessuno parla, se non esegui SUBITO una scansione delle modalità con cui elabori digitalmente i tuoi documenti e i tuoi atti formali

L’ Italia ha una delle macchine burocratiche più contorte e articolate al mondo.

È per questo che, da sempre, l’amministrazione ordina con cura tutti i documenti, gli atti, le offerte e gli ordini all’interno di faldoni conservati e custoditi gelosamente.

    • Ma ora che la Digital Transformation Globale sta gradualmente portando all’estinzione il cartaceo
    • Ora che la Pubblica Amministrazione, le banche e – ben presto – clienti e fornitori si aspettano di ottenere, da te, dati e “record”, al posto di fogli e carte bollate
    • Adesso che, anche i tuoi dipendenti sono avvolti dall’era Digitale e si sentono più pronti a gestire un cambiamento interno del loro modo di lavorare, adottando la tecnologia nella loro quotidianità….

….non puoi evitare di prestare la massima attenzione alle modalità con cui conferisci la totale sicurezza legale ai documenti che produci e ai tuoi archivi, via via sempre più caratterizzati da dati digitali e semper meno da fogli firmati con penna, timbri e inchiostro

Devi acquisire un sistema per verificare la coerenza dei tuoi processi digitalizzati, e dei tuoi piani di investimento su innovazione e tecnologie documentali, e lo devi fare ADESSO! Perché in nessuna azienda AL MONDO è possibile effettuare dei cambi repentini di rotta! 

Quando si parla di strategie, nuovi asset e di investimenti da capitalizzare, sai molto bene come 3 anni volino velocissimi.

Un’eventuale deviazione, un cambio di rotta, una correzione ha bisogno di tempo per essere analizzata, assimilata ed attuata.

Ecco perché non puoi aspettare.

I passi che stai facendo adesso – o che hai fatto da poco – sono frutto di una riflessione protratta nel tempo. Forse hai aspettato mesi, se non addirittura uno o due anni, prima di riuscire ad innovare, a implementare processi digitali.

Immagina se fra una dozzina di mesi, dovessi scoprire che il tuo Sistema Informativo – o i tuoi processi documentali in generale – sta solo generando montagne di bit senza alcun valore legale.

Significherebbe ritrovarsi con un archivio pieno di documenti INCAPACI di proteggere la tua impresa, di documentare – in modo INOPPUGNABILE – le tue transazioni, gli atti che le hanno accompagnate, i tuoi contratti.

 

Tutto il lavoro fatto sulla Digital Transformation si rivelerebbe come un boomerang.

Se riuscissi anche a sopravvivere ad un contraccolpo simile, dovresti correre ai ripari rimettendo le mani nella cassa dell’azienda per attuare tutti i correttivi necessari, sperando di trovare – nel frattempo – qualcuno di competente, capace di guidarti lontano dalla palude nel minor tempo possibile, sapendo comunque di doverci impiegare ANNI

Conservatore e “Pubblico Ufficiale” dei documenti digitali per conto di oltre 30.000 imprese italiane, ti rivela l’unico sistema per eseguire una “scansione” immediata dei tuoi processi documentali e delle tue tecnologie gestionali, per scovare subito falle normative – di rilevanza civile, ma anche PENALE – già presenti IN QUESTO MOMENTO nei tuoi sistemi informativi, o nel tuo piano di innovazione e Trasformazione Digitale.

Mi chiamo Nicola Savino, come il DJ e presentatore TV, ma in realtà mi occupo di Dematerializzazione e Digitalizzazione a norma di legge.

Me ne occupo da quando, nel 2009, ho lasciato il mio posto da manager e le mie prospettive di carriera in IBM per aprire un’attività, nel bel mezzo della crisi economica mondiale.

Ho fatto questa scelta perché, da dentro una multinazionale, ho visto tantissime aziende dirigersi verso il futuro pensando unicamente alla tecnologia, al software e al fornitore, senza mai concentrarsi sull’importanza di quanto stavano per fare.

Stavano abbandonando la carta per il Digitale, già 10 anni fa! Senza prestare troppa attenzione alla scelta epocale che stavano per fare.

I documenti che produce un’azienda, infatti, sono la sua storia. La storia di un’impresa italiana, che lavora nel paese più BUROCRATICO DEL MONDO.

Il paese dove un cavillo, una firma non leggibile, una virgola fuori posto possono essere più che sufficienti per perdere un contenzioso, o per ritrovarci raggirati da un cliente, per non parlare di quanto possa risultare VITALE una documentazione solida quando si ha a che fare con i controlli delle centinaia di enti pubblici, appostati come cecchini ad ogni angolo di strada e pronti a mandarci una cartella esattoriale per qualsiasi cosa!

Davanti a tutte queste insidie, i tuoi documenti sono l’unico elemento in grado di salvarti (prima di dover ricorrere ad un buon avvocato). Per questo motivo, in Italia, conserviamo sempre tutto e siamo abituati a fare affidamento sulla puntigliosità dell’amministrazione!

Nel passaggio dalla carta al Digitale, puntualmente le aziende commettono degli errori capaci di compromettere irrimediabilmente la validità dei documenti prodotti.

Ho scoperto, negli anni, quanto le mie conoscenze potessero letteralmente salvare le imprese da errori – talvolta persino BANALI – di “mala digitalizzazione”, per questo ho costituito un Centro di Competenze Digitali.

Un pool di professionisti che – come me – hanno deciso di dedicare tutta la loro carriera nell’aiutare le imprese italiane nell’elaborazione e gestione di processi documentali a norma di legge..

“Scopri alcune delle storie tratte dagli oltre 30.000 interventi fatti 
a tutela delle aziende italiane”

Esperienze, competenze e professionalità!

Dovevamo gestire la fatturazione elettronica e i flussi documentali tra dipartimenti e ci hanno affiancato con sicurezza in questa fase di cambiamento, accontentandoci anche velocemente su alcune richieste di customizzazione. Inoltre si evince la grande Competenza di Nicola e del suo Centro di Competenze Digitali

Sabrina Sada

Sada Packagin Spa

Velocità, affidabilità, integrazione

Hanno garantito nei tempi utili,  il supporto necessario, sia legale, sia tecnico, per lo sviluppo delle corrette procedure di trasformazione da analogico a digitale, a norma e senza dover impattare sull’operatività quotidiana degli addetti alla produzione dei vari documenti e atti formali che l’azienda quotidianamente produce.

Costantino molinari

Rino Pratesi spa

L’ unica opzione davvero valida per una multinazionale come noi

L’esperienza, le competenze e la professionalità dell’Ing. Savino sono state le peculiarità che hanno indotto l’azienda  a sceglierlo, affiancato dal Centro di Competenze Digitali che ha messo a nostra disposizione “full time”, comprensivo di esperti legali e contabili, per la consulenza di processo.

Andrea reuscitti

Mazda Italia

Ci ha catturato senz’altro l’entusiasmo e la passione che infonde in argomenti così poco attraenti.

Nicola, con la sua struttura, sono diventati un partner con cui potersi confrontare sui diversi aspetti della dematerializzazione e digitalizzazione dei processi aziendali, fonte anche di spunti spesso anticipatori di quello che poi sarebbe diventato il panorama tecnico giuridico.

Giancarla Porro

Indicom Spa

Grazie a loro ho capito che non cercavo un software, ma competenze!

Nel Centro di Competenze Digitali di Nicola trovo risposta alle domande e un pronto intervento in caso di necessità.

Mi interfaccio con persone competenti e professionali, in costante aggiornamento e in grado di apportare valore alla consulenza che offrono ai clienti.

Roberto Landi

Dale Consulting

Come si “esegue una scansione dei processi 
documentali” e come questo può salvare il posto di lavoro al 

“Chief Information Officer”

Se sei un “CIO”, queste prossime righe potrebbero letteralmente salvare il tuo posto di lavoro in un futuro non troppo lontano.

Se non sei un “CIO” – e sei capitato in queta pagina per caso –, ma ne conosci qualcuno, potrebbe essere una buona idea inviargli il link per leggere quanto sto per scrivere.

In Italia ci apprestiamo a vivere la Digital Transformation Globale in modo molto “poco sano.

Secondo una recente Survey di Gartner, l’82% delle imprese italiane sa dell’esistenza della Trasformazione Digitale, ma meno del 20% di esse sta facendo qualcosa.

Eppure tutto attorno alle nostre imprese, la Digitalizzazione prende forma. Basta davvero guardarsi attorno 5 minuti.

Il modo in cui stiamo comunicando, quasi come fossimo faccia a faccia, è Digitale.

Rispetto a 10 anni fa, gli imprenditori perdono fino al 72% di tempo in MENO facendo le file presso la Pubblica Amministrazione e gli Enti di Credito. Grazie al Digitale.

Secondo tutte le Survey mondiali, il 78% delle imprese occidentali digitalizzerà almeno 3 processi di business nei prossimi TRE anni.

Eppure, davanti a questi dati, gli Esecutivi delle Piccole Medie Imprese italiane si girano spesso dall’altra parte, senza attribuire la giusta priorità a questo cambiamento colossale.

Tutto ciò è il preludio verso l’ennesima corsa forsennata all’italiana?

Pensa a come sono state gestiti gli adeguamenti normativi del 2018, come Fattura Elettronica o il GDPR.

Nonostante fossero novità attese da anni, il 50% delle imprese italiane ha aspettato l’ultimo momento.

Ma la Digital Transformation è qualcosa di molto più profondo. E, se affrontata con la tipica “isteria” italiana, dettata dal procrastinare i cambiamenti fino oltre al limite consentito, può condurre verso il baratro.

Perché la “mala digitalizzazione” è come un parassita che aggredisce i tuoi archivi digitali.

Là dentro, è destinata a finirci la storia dell’intera impresa:

    • Atti, contratti, accordi quadro e tutto ciò che documenta una transazione, dando sostanza al business, agli investimenti fatti e alla dedizione di tutto il team di lavoro al raggiungimento dei risultati
    • Ci finiscono tutti gli atti che serviranno a giustificare i redditi aziendali, e quindi gli imponibili, gli sgravi e tutto ciò che può costituire un atto di rilevanza legale negli anni (addirittura decenni)
    • Ci andranno i rapporti di assistenza, le Fatture Elettroniche, gli ordini Elettronici, gli atti telematici e altri documenti delicatissimi, magari firmati con firme digitali e varie forme di riconoscimento biometrico (impronte digitali, firme grafometriche, ecc.)

Come fai ad assumerti oggi la responsabilità di questo cambiamento, sapendo che l’effetto del tuo lavoro avrà ricadute sui prossimi decenni di vita del suo Sistema Informativo?

Come responsabile tecnologico della tua azienda, come fai ad assumerti la piena responsabilità di questa trasposizione dei documenti più delicati e sensibili, dalla carta al digitale?

Sicuramente non ti sarai inventato nulla.

Di certo avrai commissionato diverse ore di consulenza, partecipato a convegni, letto decine di articoli, col supporto magari di avvocati.

Ma qualcuna di queste figure, ti ha mai davvero rilasciato un piano di innovazione Digitale assicurato?

Oppure si sono limitati a mettere “la loro opinione” sul tavolo, lasciando poi a te l’onere della decisione sulle strade tecnologiche da intraprendere, per garantire alla tua organizzazione una produzione documentale digitalizzata pienamente a norma?

La realtà è che non esiste un protocollo per l’analisi della tua Digital Compliance Risk, per poter pianificare il futuro, senza rischiare il posto di lavoro

Non si tratta di Presunzione, ma di Specializzazione!

So per certo che non esiste un sistema per analizzare – insieme a te – un piano di innovazione dei tuoi processi documentali, con tanto di polizza assicurativa per farti da scudo, se mai un domani qualcosa dovesse andare storto.

Investo oltre 74.000 euro all’anno per analizzare il mercato della Digital Transformation, perché il mio lavoro è supportare imprese come la tua, e persone come te, nel pianificare la propria azienda del futuro (chiamala 4.0 o come pare a te), senza temere di ritrovarsi un domani con documenti digitali privi di alcun valore giuridico.

La “Digital Compliance Risk” in Italia si vede, ma non c’è

Ed è proprio perché sono uno specialista della Digitalizzazione a norma che lo so.

In Italia, quando scoppia una “bolla”, tutti si presentano con le loro ricette.

In questo caso, io vedo solo tanti divorzisti millantare competenze digitali e tante software house spendersi come esperte di Compliance Digitale.

Ognuna con le proprie verità, ognuna con la sua bella “Gap Analysis”.

Ma la Digital Compliance Risk è un’altra faccenda.

Che ha bisogno di un Sistema estremamente articolato, capace di andare in profondità all’interno della tua impresa, dei suoi modelli di business, dei suoi piani di crescita e delle sue aspettative di Trasformazione Digitale.

Per poi partorire un piano di Digital Innovation perfettamente a norma, con tanto di assicurazione (che non servirà MAI, se si lavora con criterio, ma nel caso c’è).

 

Il primo ed unico sistema di Digital Compliance Risk” in Italia, elaborato attraverso 14 algoritmi di analisi, ti aspetta oltre il Form che trovi qui sotto

Sto per presentarti, gratuitamente e senza bisogno di alcuna “seccatura” telefonica, il primo sistema di Digital Compliance Risk sviluppato in Italia per mezzo di 14 algoritmi

Si tratta di una materia nuova nel panorama italiano, complessa.
Occorre approfondire, e occorre fare presto per evitare che le imprese italiane – già abbastanza “svantaggiate” sul fronte competitivo internazionale – compiano passi per i quali non c’è ritorno.

Perché se le tecnologie e i processi innovativi che introdurrai, si riveleranno poco efficaci sul piano normativo, questo problema contaminerà tutta la raccolta documentale da qui al prossimo futuro, creando una falla clamorosa nel “sistema impresa”.

Ecco perché ho deciso di regalarti un inserto ad una rivista chiamata “Paperless” (l’unica che si occupa solo di Digitalizzazione a Norma”), nel quale descrivo per filo e per segno come funziona questo metodo per “scansionare” il tuo piano di innovazione, i tuoi attuali asset e tutto ciò che contribuirà a formulare i tuoi documenti in futuro.

La missione è evitare che un bel giorno si scopra che i documenti prodotti dal tuo Sistema Informativo non valgono nulla, mettendo a repentaglio la tua carriera, quando basterebbe un semplice processo automatizzato per comporre un quadro “assicurato” della tua Digital Compliance Risk.

Ti basta solo completare GRATUITAMENTE e senza impegno, il form che trovi qui sotto, per conoscere più approfonditamente questo strumento straordinario che ha già contribuito alla Digitalizzazione di oltre 30.000 imprese italiane.

Potrai leggerlo con calma, quando avrai un secondo di tempo, oppure potrai divorarlo voracemente, per sapere subito cosa c’è dietro.

Bastano solo 4 dati e accederai subito al download dell’inserto dedicato alla Digital Compliance Risk “made in Italy”.
Che il Digitale sia con Te!

puoi leggere la nostra Privacy Policy prima di sottoscrivere il form, cliccando [QUI]



    SAVINO SOLUTION S.R.L. Sede Legale Piazza Flavio Gioia n. 3 (SA) – Tel.Ufficio: 089255229 – Fax:0892590170 – P.I e C.F. : IT05141260652